ALLENAMENTI TRAIL RUNNING

Sono tante le persone che si spostano dalle corse su strada al TRIAL RUNNING. Le motivazioni sono diverse: per scelta,per passione o semplicemente per tendenza,mentre altri semplicemente scelgono di abbinare entrambe le discipline.

Molti però non sanno di dover adattare e cambiare l’allenamento della corsa su strada a l’allenamento per il TRAIL RUNNING.

Cambiano le prospettive e gli equilibri fra le due discipline pur trattandosi sempre e comunque di corsa. Normalmente l’80% corse su strada sono fondamentalmente pianeggianti e su terreno stabile,mentre il TRAIL RUNNING è una disciplina di corsa totalmente differente. Si parla sempre di corsa ma va affrontato in maniera diversa perché nella sua morfologia si presenta con salite ripide, altopiani, discesa tecnica, disegnando un grafico instabile e nervoso completamente diverso dalle gare su strada. Ecco perché’ dobbiamo anche saperla interpretare in modo diverso.

COME PREPARARSI PER UNA GARA DI TRIAL RUNNING

Prima di tutto è bene analizzare diversamente la corsa differenziando anche l’impegno da profondere nella gara di TRAIL RUNNING. TRE SEGMENTI IMPORTANTI come detto contraddistinguono questa disciplina: SALITA-PIANURA-DISCESA.

Tre diverse situazioni di gara che richiedono diverse attivazioni di gruppi muscolari. In alcuni casi, come da esempio in discesa, si sollecita tantissimo il quadricipite, cosa che invece non succede sulle salite, mentre in pianura serve della velocità pura.

Si deve concepire quindi SALITA-DISCESA-PIANURA come 3 discipline diverse.

Il trial running va quasi immaginato come un triathlon rispetto ad una gara in strada in pianura dove come tecnica di preparazione ci si concentra per volume di lavoro per un 60-70% sulle ripetute in pianura, mentre nel TRAIL RUNNING si deve costruire un percorso di lavoro tenendo presente l’adattamento alla salita, alle discese e ovviamente al collinare/pianura. Questo cambia radicalmente il concetto di visione di questo tipo di sport e il modo di come prepararlo.

Ci sarà il periodo in cui si dovranno affrontare degli allenamenti specifici per la salita un secondo nel quale trovare la velocità in pianura.

Non bisogna però trascurare un ulteriore periodo dedicato alla cura della tecnica per affrontare le discese che possono essere, se trascurate e non preparate, l’elemento invalidante per compromettere tempi e prova di una TRAIL RUNNING.

ALLENAMENTI TRAIL RUNNING: PROGRAMMA DI PREPARAZIONE

Ecco un esempio di programma a medio lungo termine per preparare nello specifico una gara di questa complicata disciplina:

SETTIMANA 1 ripetute in salita (nel mio articolo TABELLE DI ALLENAMENTO COLLINARE E SALITE SI POSSONO ESTRAPOLARE DIVERSI ESEMPI).

SETTIMANA 2 ripetute in pianura (distanze sui 300-500-1000 mt singole oppure frazionate oppure Fartlek). La velocità non va trascurata, in quanto generalmente esistono arrivi in pianura oppure segmenti di trasferimento vallonati o piatti e vanno affrontati esprimendo il passo del fondista o mezzo fondista e bisogna arrivarci con le gambe e i muscoli reattivi, pronti per questo cambio di fondo.

SETTIMANA 3 salita lenta con discesa veloce concentrandosi sulla tecnica e variando il tipo di fondo.

Se siete un TRAIL RUNNER che ha già affrontato questa disciplina, oltre al programma e al percorso di avvicinamento di una competizione di questo tipo,diventa molto importante individuare (proprio come un triatleta) qual è il punto debole in cui si soffre maggiormente. Cioè sul segmento in salita piuttosto che su quello in piana o discesa, cosi che ci si possa concentrare su questo “tallone di Achille” per poterlo migliorare con sedute specifiche affinché su quel tratto non si vada a perdere troppe posizioni.

E’ importante comunque rendersi conto del concetto che per migliorarsi ed essere bravi nell’affrontare una corsa di TRAIL RUNNING bisogna essere degli atleti completi sotto ogni punto di vista, a 360 gradi, allenando ogni componente specifica che compone questa disciplina.

Ti auguro una buona preparazione per i tuoi allenamenti Trail Running.

a cura del Coach Devid Renzi

This entry was posted in ALLENAMENTO and tagged . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *