MORTA ATLETA COLPITA DA UN FULMINE DURANTE UNA GARA

27 Luglio 2019 – Bolzano 

Durante la Sudtirol Ultra Skyrace, un’atleta norvegese di 45 anni, è stata colpita e uccisa da un fulmine. La gara in montagna con partenza e arrivo a Bolzano prevedeva un percorso di 121 Km ma purtroppo intorno le ore 19.15  nelle vicinanze del lago di San Pancrazio, tra la Val Sarentino e Val Passiria, a circa 2.100 metri di quota la donna è stata colpita da un fulmine e nonostante il tempestivo intervento dell’elisoccorso e il soccorso alpino, l’atleta è deceduta dopo l’arrivo presso l’ospedale di Bolzano.

La gara in questione era stata proprio interrotta da circa mezz’ora a causa delle pericolose condizioni meteorologiche, in quanto il tempo era cambiato radicalmente passando da un caldo e estremo a forti temporali. Molti degli atleti in gara erano stati fermati presso il rifugio Punta Cervina e presso il rifugio Kesselberg proprio per la loro sicurezza ma purtroppo un gruppo di atleti, del quale faceva parte anche la donna norvegese, si trovava in una zona isolata dove non era ancora stato dato l’alt.

Durante l’incidente è stato colpito dal fulmine anche un uomo che fortunatamente non ha subito gravi conseguenze. Nella zona dove si trovava il gruppo il segnale dei cellulari era assente e proprio per questo alcuni membri si sono dovuti spostare, pare correndo per circa mezz’ora, per riuscire a chiamare i soccorsi.

Una tragedia che scuote il mondo dello sport e del running.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *